Home»Recensioni»Old 97’s – Recensione – Most Messed Up

Old 97’s – Recensione – Most Messed Up


0
Condivisioni
Pinterest Google+

Old '97 MOST MESSED U P
Artista: Old 97’s
Titolo: Most Messed Up
Etichetta: ATO RECORDS
Autore: Giulia Nuti

 

Vent’anni, tra country e punk
Nuovo album e debutto con la Ato per gli Old 97’s del cantante e chitarrista Rhett Miller. La band compie vent’anni e li celebra con un album ruggente, denso, energico, una sorta di concept sulle vicissitudini e le disavventure dell’essere musicisti.
MOST MESSED UP è una fusione di country, folk e punk,
in cui la scrittura è a fuoco e l’attitudine della band catturata come in una registrazione live.
Grintosi numeri alla Pogues (Nashville) si alternano alle più garage Guadalajara e Intervention, alla più british The Disconnect, alla ballata (cosa, altrimenti?) This Is The Ballad. Registrato a Austin e prodotto da Salim Nourallah, l’album vede la partecipazione di Tommy Stinson (Replacements) e Jon Rauhouse (Neko Case). Dodici tracce muscolari, trascinanti, che non lasciano neanche il tempo di respirare. Un batter d’occhio e vi ritroverete alla fine, con Rhett Miller che vi saluta spiegando che lui è “il più sbandato bastardo in città”.
7/10

Commenta Via Facebook

Voto dell'autore

7.0
1 Votazioni degli utenti

Nessun commento presente

Pubblica una risposta o un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *