Home»Recensioni»Mike Tramp – Recensione – Museum

Mike Tramp – Recensione – Museum

0
Condivisioni
Pinterest Google+

MikeTramp-Museum
Artista: Mike Tramp
Titolo: Museum
Etichetta: TARGET
Autore: Lorenzo Becciani

 

Ancora qualcosa da dire
Dopo l’uscita di COBBLESTONE STREET, album intimista e quasi Interamente acustico, l’ex voce dei White Lion ha dato seguito alla collaborazione col produttore Søren Andersen (già chitarrista di Glenn Hughes) e registrato dieci tracce che rivelano la sua passione per artisti come Bob Dylan, Neil Young e Bruce Springsteen. Trust In Yourself e Down South spiccano in una scaletta onesta, nella quale l’elettricità e l’aggressività vengono spesso messe da parte, senza però scadere in melodie di basso profilo. È evidente che la carriera solista di Mike ha ormai preso una svolta diversa, anche se dubito che saranno in molti a rimpiangere the rock’n’roll circuz e STAND YOUR GROUND. La nostalgia semmai è per i tempi dei troppo sottovalutati Freak Of Nature, ma MUSEUM si lascia comunque ascoltare.
6/10

Commenta Via Facebook

Voto dell'autore

6.0
1 Votazioni degli utenti
Post Precedente

TODD RUNDGREN parla di TECNOLOGIA

Post Successivo

Blackberry Smoke - Recensione - Leave A Scar Live In North Carolina

Nessun commento presente

Pubblica una risposta o un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *