Home»Recensioni»Engineers – Recensione – Always Returning

Engineers – Recensione – Always Returning


0
Condivisioni
Pinterest Google+

Engineers_-_Always_ReturningArtista: Engineers
Titolo: Always Returning
Etichetta: KSCOPE
Autore: Lorenzo Becciani

 

L’album della maturità
Il quarto lavoro in studio del progetto che vede coinvolti il polistrumentista Mark Peters, il produttore ambient Ulrich Schnauss e il batterista e pianista Matthew Linley, si candida come una delle uscite dell’anno in casa Kscope. L’etichetta di post progressive sound ha puntato sul trio fin dal secondo album, THREE FACT FADER del 2009, e ha visto giusto, perché il mix tra elettronica, pop e psichedelia è superbo e anche l’aspetto lirico è curato nei dettagli. Il coraggioso approccio compositivo è difatti accompagnato da tematiche oscure, che riportano alla mente i concept prog degli anni Settanta e regalano fascino all’intero apparato strumentale. It Rings So True, Searched For Answers e la title-track i passaggi imperdibili di un album ipnotico e sensuale, che cresce di ascolto in ascolto e che, a livello di arrangiamenti,
non teme concorrenti.
8/10

Commenta Via Facebook

Voto dell'autore

8.0
0 Votazioni degli utenti

Nessun commento presente

Pubblica una risposta o un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *