Home»News»Bryan Singer, regista del biopic su Freddie Mercury, è stato sospeso dal set

Bryan Singer, regista del biopic su Freddie Mercury, è stato sospeso dal set


6
Condivisioni
Pinterest Google+

Il regista Bryan Singer è ufficialmente stato sospeso dal set del biopic sui Queen, ma non è stata una sua scelta: le dichiarazioni ufficiali…

Ieri vi abbiamo anticipato della sospensione delle riprese di “Bohemian Rhapsody”, il nuovo biopic dedicato al frontman dei Queen. Sembrava infatti che il regista, Bryan Singer, non si fosse ripresentato sul set in seguito al Ringraziamento, a causa di alcuni problemi personali e riguardanti la sua famiglia. Oggi, 20th Century Fox ha annunciato ufficialmente che Singer non si occuperà più della direzione del film.

L’Hollywood Reporter afferma che l’attore protagonista, Rami Malek, nei panni di Freddie Mercury, si è lamentato più volte del regista e della sua “scarsa professionalità“. Pare infatti che i due siano stati coinvolti in una serie di alterchi. In queste ore, alla luce di quanto accaduto, Singer ha quindi deciso di rilasciare una dichiarazione ufficiale in merito alla sua sospensione: “Non volevo far altro che far parte di questo progetto e contribuire ad onorare la memoria di Freddie Mercury e dei Queen. Fox non mi ha permesso di farlo, soltanto perché avevo temporaneamente bisogno di mettere davanti ad ogni cosa la mia salute e quella dei miei cari.” ha scritto il regista.

Sospese le riprese del biopic di Freddie Mercury: che ne sarà del film sui Queen?

Mancavano meno di tre settimane alla fine delle riprese” ha continuato “E ho chiesto a Fox un po’ di tempo libero per poter tornare negli States ed occuparmi di alcuni problemi urgenti, riguardanti uno dei miei genitori. E’ stata un’esperienza molto faticosa, e alla fine ha pesato molto anche sulla mia salute. Sfortunatamente, lo studio non si è dimostrato disponibile ad accogliermi, al mio ritorno. Non è stata una mia decisione e preciso che è stata totalmente fuori dal mio controllo.

Singer, nel comunicato ufficiale, ha poi tenuto a negare ogni scontro con l’attore Rami Malek: “Le voci inerenti la mia sospensione si sono scatenate dai rumors su una mia ipotetica disputa con Rami Malek, ma non sono vere. Abbiamo avuto qualche divergenza creativa sul set, è vero. Ma Rami ed io abbiamo messo da parte queste differenze e abbiamo continuato a lavorare insieme.

Detto questo, sembra che il film dei Queen non sia comunque in pericolo e che sarà pubblicato nel 2018, come previsto sin dall’inizio.

Commenta Via Facebook