Home»News»I Musicisti sono tre volte più soggetti alla depressione delle persone comuni

I Musicisti sono tre volte più soggetti alla depressione delle persone comuni


35
Condivisioni
Pinterest Google+

I Musicisti sono a rischio depressione: è il preoccupante risultato del più grande studio al mondo che connette musica e salute mentale

I musicisti sono tre volte più soggetti a soffrire di depressione delle persone comuni. E’ il preoccupante risultato di un nuovo studio condotto dall’Università di Westminster. Lo studio è stato condotto dalla ricercatrice Sally Gross e dal dottor George Musgrave  e, ad oggi, è il più grande studio mondiale che connette salute mentale e mondo della musica, con oltre 2.200 musicisti studiati e intervistati. Lo studio è stato pubblicato da MusicTank, in collaborazione con Help Musicians UK.

Le questioni più importanti, evidenziate dallo studio, mostrerebbero come i problemi più comuni siano: i soldi, le condizioni di lavoro precarie, le sfide relazionali, abusi, bullismo e discriminazioni varie. In risposta a questi studi, negli ultimi mesi la Help Musicians UK ha aperto un servizio di assistenza aperto h24 per aiutare artisti in difficoltà in tutto il mondo, Music Minds Matter. Inoltre, si sta impegnando a fondo per un cambiamento radicale del settore musicale. La Direttrice Christine Brown, ha affermato: “HMUK condivide i risultati di questo importante studio. Lo scorso anno abbiamo raccolto quasi 2 milioni di euro di beneficenza per coloro che hanno più bisogno in questo settore, quindi esaminare le questioni chiave è stato un passo naturale che ci permetterà di contribuire più attivamente affinché si realizzi un cambiamento concreto nell’industria.

Attraverso Music Minds Matter, siamo più vicini a fornire il sostegno necessario e l’istruzione fondamentale di cui la comunità musicale ha disperatamente bisogno. Insieme possiamo scacciare questo stigma, affinché nessuno che lavora nella comunità debba soffrire in silenzio!” ha continuato la Brown.

I ricercatori, hanno poi commentato: “Speriamo che questa ricerca possa scatenare un dibattito più ampio sia nell’industria musicale che sul benessere di coloro che ci stanno a cuore, e più in generale, che ci aiuti a combattere questa sfida.

Fonte. 

 

Commenta Via Facebook