Home»News»FOO FIGHTERS: “Chester e Chris ci hanno sconvolto”

FOO FIGHTERS: “Chester e Chris ci hanno sconvolto”


73
Condivisioni
Pinterest Google+

I membri dei Foo Fighters hanno parlato di depressione, suicidio, salute mentale e delle sconvolgenti morti di Chester Bennington e Chris Cornell

Foto via: linkinshots.wordpress.com

I membri dei Foo Fighters, Dave Grohl e Taylor Hawkins, hanno recentemente rilasciato un intervista ad un podcast in Nuova Zelanda, circa la morte di Chester Bennington e Chris Cornell dei mesi scorsi. Hanno poi parlato di dipendenza, traumi, depressione e suicidio. Le tragiche perdite dei frontman dei Linkin Park e Soundgarden hanno lasciato un vuoto nel mondo della musica, e sconvolto due generazioni, proprio per questo hanno deciso di condividere la loro opinione a riguardo, invitando le persone là fuori a fare attenzione alla propria salute e felicità.

Dave Grohl: “E’ stato un vero shock sapere di aver perso Chris e Chester”

Quando si tratta di persone come Chris o Chester, la depressione è una malattia e ognuno fa il proprio percorso.” Ha raccontato Dave Grohl, “Non posso parlare della condizione di qualcun altro, ma la parte più difficile di tutto questo è la perdita di un amico. Io ho immediatamente pensato alle loro famiglie, alle loro band. Erano due persone così belle, dolci, talentuose e con tanto da offrire. E’ stato un vero shock sapere di averli persi.

L’argomento tocca Grohl in prima persona, dal momento che ha perso il suo compagno di band, Kurt Cobain sempre a causa di un drammatico suicidio, e a questo proposito ha continuato dicendo: “Penso che la salute mentale e la depressione siano qualcosa che le persone dovrebbero davvero prendere sul serio. Prendetevi cura di voi stessi. Non è facile lo sappiamo, la vita è dura.

Foto via: www.kickagency.com

Taylor Hawkins: “Il mio lato egoista pensa che vorrebbe ascoltare un altro disco di Chris Cornell”

Taylor Hawkins ha detto: “Non importante quanto c’è nel tuo conto bancario o quante hit hai sulla tua pagina di Youtube, tutto è inutile se, come ha detto Dave, non ti senti veramente bene.” e continua: “Il mio lato egoista pensa che è triste non poter ascoltare un altro disco di Chris Cornell, ma c’è una ferita che va oltre ogni egoismo. Non conoscevo Chester molto bene, ma conoscevo Chris, e Dave lo conosceva davvero. Ricordo ancora quando abbiamo suonato insieme ai Soundgarden, e avremmo ascoltato i loro record all’infinito. Erano una grande fonte d’ispirazione per dei musicsti come noi, e Chris era il maestro assoluto.

 

Commenta Via Facebook