Home»News»Il chitarrista dei KORN: “Ho sbagliato a definire Bennington un codardo”

Il chitarrista dei KORN: “Ho sbagliato a definire Bennington un codardo”


21
Condivisioni
Pinterest Google+

Brian “Head” Welch si è scusato per le dichiarazioni avventate, fatte subito dopo la morte di Chester Bennington

Il chitarrista dei Korn, Brian “Head” Welch si è scusato per i commenti avventati fatti subito dopo la morte dei frontman dei Linkin Park, definendolo “un codardo”.

Chester Bennington è stato trovato morto il 20 luglio scorso, dopo essersi suicidato. Da subito, la morte è stata discussa e controversa, oltreché pianta dai numerosissimi fan. Proprio per questo molte star hanno proferito parola (a volte impropriamente), giudicando il gesto del cantante. Così, anche Welch ha detto: “Rinunciare ai tuoi figli, ai fan e alla vita è da codardi!“. Il messaggio, diffuso in rete nelle ore imminenti la notizia e, molto probabilmente, sulla scia dell’emotività, ha scatenato non poche polemiche e in moltissimi hanno affibbiato a Welch aggettivi quali “Insopportabile e disgustoso” o “Ignorante“.

Alla luce di questi accaduti, Welch ha deciso di rilasciare una nuova intervista nel tentativo di rimangiarsi tutto e scusarsi pubblicamente: “Non volevo mancare di rispetto. Vorrei poter riformulare il mio messaggio!” ha detto. “Stavo parlando del fatto che avevo il cuore spezzato, ero devastato. Quante altre volte nella musica abbiamo assistito a due voci del genere, mostruose e di tale ispirazione, andarsene?” Dice ripensando anche a Chris Cornell.

Oggi ci svegliamo e assistiamo a tutto questo. Quando ho saputo di Chester ho pensato fosse uno scherzo. Ero scioccato, proprio come tutto il resto del mondo.

Dopo l’accaduto, Welch dice di aver imparato a non utilizzare i social proprio sull’onda delle emozioni, in preda ai sentimenti più diversi. “Mi assumerò la colpa di ciò che ho detto, ma avrei voluto formularlo in modo diverso. Ho attraversato tutte le mie emozioni e l’ho fatto in rete.

 

Commenta Via Facebook