Home»Articoli»La nascita dei Ramones

La nascita dei Ramones

118
Condivisioni
Pinterest Google+

[mixvisor artists=”ramones” id=”5654167ccdec5b4f2184d8de” ]Suonavano male, vestivano come una glam band, il loro cantante si chiamava Jeff Starship.
Eppure il loro sgangherato debutto newyorchese di appena
17 minuti accese la miccia dell’intero fenomeno punk.

È impossibile indicare con precisione il Big Bang del punk, ma la prima apparizione in pubblico dei Ramones sul palco del CBGB a New York, nell’agosto del 1974, è un candidato illustre.
Il gruppo aveva iniziato a vedersi in giro pochi mesi prima, sempre quell’anno:
era un trio che comprendeva il cantante/chitarrista Douglas Colvin, il chitarrista solista John Cummings e il batterista Jeffrey Hyman, seguiti dal produttore Tommy Erdelyi.
Dopo il debutto, Hyman cambiò posto e da dietro i tamburi passò al microfono cambiando nome in Joey, Colvin passò al basso e iniziò a farsi chiamare Dee Dee e la band adottò il nomignolo vagamente denigratorio di Ramones.
La rivoluzione era partita.

Tommy Ramone:
I Ramones furono una mia idea.
All’inizio erano un concept e io facevo da coordinatore artistico, ma la cosa funzionò molto meglio di quanto pensassi.
Il primo giorno del liceo incontrai Johnny e grazie alla musica diventammo amici.
Continuavamo a vederci, ma lui aveva smesso da anni di suonare. Lavorava nell’edilizia.
Ma io continuavo a chiamarlo e a incoraggiarlo a tornare a suonare.
Ero disgustato dalla scena musicale.
E così mi dissi: ‘E se facessimo qualcosa di nuovo?’.
Dissi a Johnny che avevo uno studio [i Performance Studios] e che volevo mettere assieme un gruppo.
Joey a quel tempo si faceva chiamare Jeff Starship e cantava in un gruppo chiamato Sniper.

Handsome Dick Manitoba (cantante dei Dictators):
Joey era sempre in mezzo. Non potevi fare a meno di notarlo. Era molto alto, magrissimo e aveva un look assolutamente
unico.
“ Chi è quel tipo?”, chiedevo. “Quello? Ma è Jeff Starship”.

Dee Dee Ramone:
Una sera vidi suonare gli Sniper: Joey era il cantante e fu grandioso.
Sembrava proprio malato. Pensai che era perfetto, perché era così strano.
E il modo in cui oscillava verso il microfono era davvero assurdo.
Continuavo a chiedermi: “Ma come fa a stare in equilibrio?”.
Tutti gli altri cantanti copiavano David Johansen (all’epoca frontman delle New York Dolls),
che a sua volta copiava Mick Jagger, e io non lo sopportavo più.
Joey invece era assolutamente unico.

ramone-joey-4fb4a5737d1f2

Joey Ramone:
Mi vestivo seguendo un mio stile personale: avevo una specie di tuta nera da paracadutista, tipo seta, fatta con vari pezzi e ai fianchi portavo una di quelle catene fatte con le pallottole, e in più tenevo la lampo aperta.
Poi dei guanti di pelle nera, lunghi fino al gomito, e una catena.
Stivali rosa con tacchi di dodici centimetri, chiodo nero di pelle, occhiali da sole neri, capelli lunghi. Molto androgino, ma a quei tempi andava bene. Va anche detto che molti volevano ammazzarmi.

Tommy Ramone:
Fu Dee Dee a uscirsene col nome Ramones. Suonava come un cognome, e così iniziammo a usarlo come se fosse il nostro.

Joey Ramone:
All’epoca dei Silver Beatles,
Paul McCartney prenotò una stanza in un albergo usando il nome Paul Ramon.
Siccome Dee era un fan sfegatato di McCartney, assunse l’identità di Dee Dee Ramone.
E quando io mi unii a Dee Dee, decidemmo di chiamare il gruppo i Ramones.

Monte A. Melnick (comproprietario dei Performance Studios e futuro road manager dei Ramones):
Per circa un anno, la gente li credette un gruppo messicano formato da quattro fratelli.
Tommy Ramone: Iniziammo a scambiarci delle idee.
Un giorno ci vedemmo a casa di Johnny e decidemmo che il gruppo sarebbe stato composto da Johnny, Dee Dee, Joey e da quest’altro tipo, Richie Stern, che sarebbe stato il bassista.
Ma non andò bene: Dee Dee voleva suonare la chitarra, ma Richie non sapeva suonare il basso, così tocco a Dee Dee. Richie mollò subito: non ha mai suonato con i Ramones.
A quel punto li riportai ai Performance Studios per la prima sessione in studio, nel marzo del 1974.Erano un trio e io ero il manager: Joey era il batterista, Dee Dee il bassista e
Johnny il chitarrista.
Appena iniziai a lavorare con loro, se ne uscirono con delle canzoni completamente diverse da tutto quello che avevo sentito prima d’allora.

ramones-624-1373990517

Joey Ramone:
Quando sono entrato nel gruppo, mi sono portato dietro due canzoni che avevo già scritto,
I Don’t Care e Here Today, Gone Tomorrow.

Tommy Ramone:
Cercammo di incanalare l’energia in qualcosa di creativo.
Il fatto che fossero così in gamba nello scrivere canzoni fu un bel vantaggio.

Monte A. Melnick:
La prima volta che vidi i Ramones… lascia perdere.
Non potevi proprio ascoltarli. Francamente non gli prestai molta attenzione. Erano molto estremi, molto grezzi.
Gli ci vollero alcuni mesi per iniziare a migliorare.

Johnny Ramone:
La prima volta che ci ritrovammo in studio, cercammo di fare canzoni di altri gruppi, ma non ci riuscimmo,
perché avevamo appena iniziato a suonare.
E così, a partire dalla session successiva, decidemmo di scrivercele da soli.
Il primo giorno scrivemmo I Don’t Wanna Walk Around With You.

Monte A. Melnick:
Rappresentavano una musicale dei primi anni Settanta: gli spettacoli colossali, gli eccessi, i lunghissimi assoli di chitarra. Facevano ciò che erano in grado di fare e semplificarono ogni cosa: canzoni brevi, suonate molto veloce, niente assoli di batteria, niente assoli di chitarra. Svilupparono il genere, fu tutto calcolato.

Joey Ramone:
Le prime canzoni furono I Don’t Care, Judy Is A Punk, Today Your Love (Tomorrow The World), Loudmouth, Basement. Avevamo tutti un senso dell’umorismo molto cupo, molto contorto. Quando iniziammo a scrivere, le canzoni riguardavano le nostre frustrazioni e i nostri sentimenti di alienazione, di isolamento. I
l rock’n’roll dell’epoca consisteva in un miscuglio di Pink Floyd e ELP, e tutta quella robaccia.
Così, fondamentalmente, quello che facemmo noi fu di andare alla radice, scomporlo e ricomporlo,
e rimetterci dentro l’eccitazione, il divertimento, lo spirito, l’energia grezza, la pura emozione, in sintesi l’attitudine giusta.

Ramones 2

Monte A Melnick:
Avevamo uno spazio al Performance.
C’era un piccolo palco, un impianto luci e le attrezzature.
I gruppi venivano e facevano volantinaggio nella zona, invitando un pubblico di amici e appassionati per rimediare
qualche soldo, e naturalmente tentavano di convincere quelli delle case discografiche a venire a vederli.
I Ramones lo fecero parecchie volte, e io mi occupavo delle luci e del suono.

Johnny Ramone:
Il 30 marzo 1974 invitammo i nostri amici a vederci: il risultato fu che gli facemmo schifo e non furono più nostri amici.
Non eravamo pronti a suonare davanti a un pubblico.

Monte A. Melnick:
Dee Dee non riusciva a suonare il basso e contemporaneamente a cantare.
E Tommy sapeva che Joey aveva una bella voce, così lo tirò fuori da dietro la batteria.

Joey Ramone:
A ogni session in studio suonavamo sempre più veloci.
Andava tutto a cento all’ora e con la batteria non riuscivo a stargli dietro.

Tommy Ramone:
Decisi di toglierlo da lì dietro e metterlo davanti al pubblico.
Pensai che sarebbe stato un cantante assolutamente unico, perché non c’era nessun altro come lui.
Ma questo significava anche che ci serviva un nuovo batterista.

Joey Ramone:
Trovammo un altro batterista, ma era drogato fino alle orecchie.
Così continuammo con i provini. Alla fine era sempre Tommy a dire al nuovo batterista come avrebbe dovuto suonare.

Monte A. Melnick:
Nessuno era in grado di suonare la batteria così come serviva a loro.
Tommy era un chitarrista, ma cercava di mostrare agli altri batteristi cosa fare.
Solo che così facendo, alla fine, fu lui a definire lo stile Ramones per la batteria.
A un certo punto gli altri gli dissero: “Non è più semplice se suoni tu?”. E così fece.

Tommy Ramone:
Furono Chris Stein e Debbie Harry dei Blondie – che allora si facevano chiamare Angel And The Snake – a invitarci a
suonare al CBGB per il nostro primo concerto.

Chris Stein (chitarrista dei Blondie):
Introdussi i Ramones al CBGB perché avevo conosciuto Tommy quando suonava al Mercer Arts Centre
con una banda chiamata Butch.
Tommy un giorno si avvicinò e mi disse: “So che suonate in un bar strano. Come si chiama?”.
E io risposi: “CBGB”.

Lee Black Childers (manager di Johnny Thunders And The Heartbreakers):
Il posto puzzava di piscio. Sembrava un cesso, e puzzava come un cesso.

tommy-ramone-the-ramones-10-billboard-2014-650x430

Dee Dee Ramone:
Il CBGB era pieno zeppo di drag queen arrivate dritte dal Bowery Lane Theater.

Tommy Ramone:
Non avevamo ancora il look Ramones, tutto jeans e giubbotti di pelle – quello arrivò poco dopo.
Dee Dee e io assomigliavamo già ai Ramones, ma Johnny e Joey erano ancora parecchio sbrilluccicosi.

Dee Dee Ramone:
Joey usava vestiti di gomma, John preferiva la plastica nera e i pantaloni argentati. Eravamo grandi!

Lee Black Childers:
Il pubblico era composto da sei persone. Non scherzo. Sei.
Poi i Ramones salirono sul palco e io mi dissi: “Oh… Mio… Dio!”.

Tommy Ramone:
Eravamo come i Beatles sotto anfetamina.
O come, se magari eri un lettore di Superman, la versione Bizarro dei Beatles (nei
fumetti Bizarro è la versione di Superman, che fa tutto il contrario dell’Uomo d’Acciaio)

Hilly Kristal (proprietario del CBGB):
Suonarono per diciassette minuti, i famosi diciassette minuti – diciassette minuti e venti canzoni, per l’esattezza.
Volume altissimo ed energia a mille, un pezzo dopo l’altro. Nessuno aveva mai fatto una cosa simile prima.
Fu come prendere il pubblico a bastonate in testa.

Tommy Ramone:
Fu eccitante. Una serata soddisfacente. Nel programma c’era anche un gruppo da San Francisco, i Cockettes si chiamava,
una specie di gruppo drag, per cui era un programma molto vario.
Ma il posto era vuoto. C’erano tre o quattro persone, e il barista.

Alan Vega (cantante dei Suicide):
Gli si ruppe una corda. Se ne andarono. Tornarono. “Unodue- tre-quattro”, e di nuovo la corda.
Ce ne stavamo lì a ridere come pazzi. Ma l’intensità della musica era stupefacente.
Erano la cosa migliore dai tempi degli Stooges. Vederli mi ha cambiato la vita.

Hilly Kristal:
Gli strumenti e l’attrezzatura si rompevano di continuo e i Ramones litigavano tra di loro. Fu un fiasco terribile.
Joey non era male, ma Johnny non la smetteva di gridare.

Tommy Ramone:
Litigare sul palco faceva parte dell’aggressività della musica. Era per divertirsi.
Magari avevamo attaccato la canzone sbagliata, o discutevamo su quale pezzo suonare. Faceva parte della scena.
Dopo i litigi suonavamo meglio. A Hilly piacemmo, e ci richiamò. Finimmo col diventare delle presenze abbastanza regolari. Non ricordo bene, ma probabilmente per quello spettacolo non fummo nemmeno pagati.

The Ramones

Joey Ramone:
Iniziammo a suonare al CBGB una volta alla settimana, poi due.
Suonavamo di continuo, e alla fine un sacco di altri gruppi iniziarono a imitarci.
Nel 1975 ci fu un Summer Rock Festival e l’attrazione di punta della prima serata fummo noi.
Arrivò un sacco di stampa, e da lì in poi le cose iniziarono a ingranare.

Tommy Ramone:
Il CBGB fu molto importante per noi. Fummo davvero fortunati ad avere un posto come quello, perché non avremmo
potuto suonare da nessun’altra parte. Era perfetto. Era quello adatto a noi. Entro un anno nacque un’intera scena musicale.

Commenta Via Facebook

Post Precedente

Mick Box racconta gli Uriah Heep

Post Successivo

Yes - Recensione - Heaven & Earth

Nessun commento presente

Pubblica una risposta o un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *