Home»News»AEROSMITH: abbiamo ancora un asso nella manica, forse due

AEROSMITH: abbiamo ancora un asso nella manica, forse due


24
Condivisioni
Pinterest Google+

Joe Perry degli Aerosmith ha detto che la band produrrà sicuramente ancora un album in studio, forse persino un secondo.

Ha detto in una recente intervista: “Vogliamo andare in studio e dedicare un po’ di tempo a noi stessi per ottenere qualcosa. Abbiamo sicuramente un altro record dentro di noi, se non due. Vedremo come va.

Dopo la tiepida accoglienza di Music From Another Dimension del 2012, il prossimo album farà scintille o sarà una delusione per i fan? Ovviamente, non ci è dato sapere, ma Perry ha detto: “Il prossimo album sarà più coeso. Ho già parlato con Steven Tyler a questo proposito, e sappiamo quale direzione vogliamo prendere e che atmosfera vogliamo creare. La cosa fondamentale adesso è entrare in una stanza, e iniziare a buttare giu un po’ di roba.

Gli Aerosmith hanno annunciato la prima tappa del loro Aero-Vederci Baby Tour nel novembre dello scorso anno, ma Perry ha detto che non può immaginare di appendere la chitarra al “chiodo“, non così presto almeno. Perciò le date del suddetto tour non è detto che saranno le ultime. Chissà.

Stiamo cercando di andare in luoghi dove non abbiamo mai suonato prima. C’è sempre qualche posto da visitare. Mi piacerebbe suonare in Cina e in estremo oriente, ci un sacco di luoghi al di fuori dei sentieri battuti. Questo è l’ultimo tour? Chi può dirlo. Per ora, non ci penso.

Manca un soffio al cinquantesimo anniversario, perchè fermarsi proprio ora?

Nel 2020 inoltre, gli Aerosmith festeggeranno il loro 50° anniversario, e sarebbe un peccato mollare a tre anni dal traguardo. A questo proposito, Joe Perry ha continuato: “Non avrei mai pensato di arrivare così lontano. Siamo gli stessi ragazzi che si sono ritrovati in un appartamento a Boston nel 1970, e stiamo ancora cercando di fare del nostro meglio, e meglio del giorno precedente. Dopo cinquant’anni, provo ancora a suonare come si deve.

 

Commenta Via Facebook