Home»News»Furto d’identità in casa Nickelback

Furto d’identità in casa Nickelback


3
Condivisioni
Pinterest Google+

Un uomo ha finto di essere il batterista dei Nickelback per spendere 25.000 dollari in microfoni

In Florida, un uomo è stato arrestato con l’accusa di essersi finto il batterista della band, Daniel Adair, durante l’acquisto di 25.000 dollari di microfoni e attrezzature musicali.

L’uomo in questione, sarebbe il quarantacinquenne Lee Harvey Koenig, che si sarebbe spacciato per Adair semplicemente grazie ad una batteria molto simile alla sua. Per quanto riguarda come abbia fatto ad accedere a tutte le informazioni personali del batterista, ancora nessuna dichiarazione, l’unica cosa certa, è che l’uomo stava facendo spese folli per conto di una società Austriaca, a Vienna, acquistando un numero spropositato di microfoni.

La polizia ha notato che qualcosa non andava, e così Adair è stato contattato, confermando che non aveva affatto acquistato la merce. La storia si è conclusa con l’arresto dell’uomo, conosciuto su Facebook con il nome di Mr. Wooky.

 

Commenta Via Facebook