Home»Articoli»Brian Jones e l’avvento dei Rolling Stones

Brian Jones e l’avvento dei Rolling Stones


8
Condivisioni
Pinterest Google+

Il 28 febbraio è l’anniversario della nascita di Brian Jones, fondatore dei Rolling Stones.

La nascita degli Stones ci riporta indietro di qualche decennio, al 1962, quando Jones reclutò Mick Jagger come cantante, Keith Richards e Ian Stewart. A quel quartetto, fu proprio Jones a trovare un nome, e così si esibirono per la prima volta il 12 luglio dello stesso anno, in un Club di Londra. Senza questa line-up originaria, i Rolling Stones che conosciamo oggi, non sarebbero mai esistiti.

Foto via: it.pinterest.com

Seguirono anni difficili, cui Brian resistette a fatica a causa dello scatenato binomio Jagger-Richards, e dell’uso smodato di alcol e droghe. L’apparente equilibrio che reggeva le sorti della band iniziò a sgretolarsi, e in breve tempo, i membri della band presero una strada diversa da quella desiderata da Brian. Dopo il primo arresto di Jones, per possesso di droga, nel ’67, il suo contributo alla band divenne sempre più sporadico, e Keith Richards subentrò suonando la chitarra da solista sempre più spesso. A rincarare la dose, la fidanzata di Jones, Anita Pallenber, mentre questo si trovava in ospedale, fece una scappatella con Richards, incrinando definitivamente e irrimedialmente un rapporto già compromesso, soprattutto musicalmente parlando. Apparì un ultima volta con gli Stones, nel dicembre del ’68, per poi essere estromesso dalla band senza troppi convenevoli nell’anno successivo. I ragazzi gli comunicarono, con molta franchezza, che sarebbero andati avanti senza di lui: Brian non era nemmeno più in grado di reggersi alla chitarra, perciò fu abbandonato al suo destino.

Il 3 luglio del ’69, Brian Jones fu ritrovato morto sul fondo della sua piscina nel Sussex. Aveva 27 anni. La sua morte, è ancora avvolta nel mistero, e il caso è stato riaperto più volte. La versione ufficiale, volle una morte accidentale, causata (forse) dall’uso di alcol e droghe che gli distrussero cuore e gefato. L’autopsia, in realtà, rivelò tutt’altro: il ragazzo non aveva affatto utilizzato droghe prima del decesso, e l’alcol in corpo, era l’equivalente di tre bicchieri di birra.

 

Commenta Via Facebook