Home»News»Billy Corgan degli SMASHING PUMPKINS: l’opprimente confronto coi Nirvana

Billy Corgan degli SMASHING PUMPKINS: l’opprimente confronto coi Nirvana


16
Condivisioni
Pinterest Google+

Billy Corgan, cantante degli Smashing Pumpkins è stato recentemente intervistato da Why Not Now?, dove ha parlato della sua reazione di fronte al successo dei Nirvana nel 1991. A quanto ha “confessato” il frontman della band, fu piuttosto massacrante doversi confrontare con un colosso quale ‘Nevermind’.

Gli Smashing Pumpkins pubblicarono un album che ebbe discreto successo, poco dopo i Nirvana pubblicarono ‘Nevermind’, un album di enorme portata, e a rincarare la dose, ci si misero pure i Pearl Jam. Ed è così che Corgan entrò in una sorta di depressione, perdendo completamente la bussola su quel che stava accadendo nel mondo della musica. “Sono entrato in depressione, il cambiamento mi fece sentire inadeguato, in una maniera per cui non ero preparato.

Ho trascorso un lungo periodo di depressione in cui ero incapace di scrivere canzoni e ho davvero fatico per una svolta. Sono davvero uscito da questa sorta di depressione suicida un mattino in cui mi resi conto che, o sarei saltato giù dalla finestra, o avrei fatto qualcosa per cambiare la mia vita. So che suona molto drammatico, ma andò esattamente così. Mi sono svegliato una mattina, ho guardato fuori dalla finestra e ho pensato che dovevo fare qualcosa, e quel giorno ho scritto ‘Today’. E’ una sorta di osservazione ironica sul suicidio, ma in sostanza, dietro la lirica, quel che volevo dire è che ogni giorno, può essere il migliore, solo se lasciamo che sia così.

Il periodo di depressione di Corgan fu così intenso, che lo portò a pensare alla morte in maniera ossessiva, elaborando anche una sorta di personale elogio funebre. Il brano ‘Today‘, è nato proprio sulla scia di questi eventi, di fronte all’opprimente confronto col successo dei Nirvana e dei Pearl Jam: una bella rivalsa!

Billy Corgan, conclude così la sua confessione: “Il punto è che la percezione della realtà non è reale, e senza giusta prospettiva, il successo può diventare come un serpente in grado di divorarti.

Commenta Via Facebook