Home»Articoli»I “giradischi” di nuova generazione

I “giradischi” di nuova generazione


93
Condivisioni
Pinterest Google+

In occasione del rilancio del mondo del vinile, è iniziata una “gara” all’invenzione del giradischi più strano (o ridicolo, dipende dai punti di vista) da immettere sul mercato. Tutti dispositivi che, per quanto ci facciano storcere il naso, promettono di riprodurre i vinili alla perfezione, mantenendo quel suono intimo e corposo che li caratterizza. Ovviamente, non hanno nulla a che vedere con l’amore per il giradischi, quello vero.

Prima è stata la volta del RokBlok, il più piccolo giradischi wireless del mondo che consisterebbe in una piccola “box” di legno, dotata di altoparlanti integrati, (o con possibilità di connettersi via bluethoot ad cuffie e casse esterne) che riproduce i record semplicemente ruotando intorno ad un asse centrale. La novità di RokBlok, sta nel fatto che è trasportabile, e quindi permetterebbe di ascoltare un vinile praticamente ovunque e in qualsiasi momento.

Foto via: www.kickstarter.com/projects/pinkdonut/rokblok-a-new-spin-on-vinyl

Adesso, è la volta di LOVE, un “giradischi” comandato direttamente dal proprio smartphone, il primo “giradischi intelligente”, in grado di individuare anche il titolo del disco che state ascoltando, e mostrarvi persino la copertina. Questa invenzione è frutto del progetto di Yves Behar e si propone come un “Giradischi rivoluzionario e senza tempo“, anche se per il momento le informazioni rilasciate sono piuttosto scarse. Verrà lanciato sul mercato fra una ventina di giorni. Per il momento, i creatori dicono che manterrà intatte tutte le specifiche del suono analogico.

Foto via: comingsoon-tech.com/love-the-first-intelligent-turntable/#

Tutto sul mondo del vinile, nella nostra rivista VINILE, targata Sprea Editori!

Commenta Via Facebook