Home»News»Nirvana: Smells Like Teen Spirit, segnalibro della storia del rock

Nirvana: Smells Like Teen Spirit, segnalibro della storia del rock


21
Condivisioni
Pinterest Google+

L’11 gennaio del 1992, il brano dei Nirvana entrava ufficialmente nella Top Ten Americana al numero 6.

Smells Like Teen Spirit è stato il primo estrato dal secondo album in studio della band, Nevermind, pubblicato il 10 settembre dell’anno precedente. Fu la prima traccia incisa dalla band, con il nuovo batterista, Dave Grohl.

Il produttore, Butch Vig, ha ricordato: “Stavo camminando per la stanza pensando ‘Merda, suona così fottutamente bene’. Ho detto loro: ‘Wow, sembra ottimo, si può suonare di nuovo?’ Dave non aveva alcun microfono nel suo kit, e Kurt e Chris avevano i loro amplificatori a volume di stordimento, ma semplicemente sembrava ancora perfetto. Ho chiamato il loro manager e ho detto ‘Credo che abbiamo bisogno solo di due o tre giorni di prove’. E ‘stata una di quelle cose per cui vai fuori di testa, non devi pensarci troppo, entra e registra, ora.

Smells Like Teen Spirit ebbe un successo incredibile, tanto che ridefinì l’immaginario degli adolescenti anni novanta. Dopo poche settimane finì a rotazione su MTV, e secondo le parole del funzionario dell’epoca: “Quella canzone ha totalmente cambiato il look del canale, dandole una nuova generazione a cui vendere“. Il brano divenne la voce di una generazione, il segnalibro della storia del rock.

Ho pensato… Teen Spirit era solo un altro taglio dell’album, ma il video ha fatto una grande differenza” ha ricordato Dave Grohl. “Eravamo ancora nella nostra piccola bolla… e ciò che stava succedendo non sembrava nulla di strano, fino al concerto: quando è stato il caos.” Quando i Nirvana tornarono a casa per uno spettacolo al teatro Paramount di Seattle il 31 ottobre del 1991, Nevermind aveva già superato la soglia di 500.000 vendite. Il loro tour negli Stati Uniti si è concluso il 2 gennaio 1992, e le vendite hanno subito un impennata oltre i due milioni. Stavano diventando un fenomeno mondiale, anzi, erano ormai i preferiti d’America.

 

Commenta Via Facebook