Home»Articoli»BOWIE: i segreti di Blackstar

BOWIE: i segreti di Blackstar

22
Condivisioni
Pinterest Google+

La copertina del vinile di “Blackstar” di David Bowie continua a regalare sorprese sulla sua simbologia nascosta.

Il designer della copertina, Jonathan Barnbrook, in un intervista di qualche giorno fa ha raccontato che nel disco, da lui curato, ci sono ancora dei piccoli segreti da scoprire, che, a quanto pare, i fan non sono riusciti a scovare.

Nel corso dell’estate, abbiamo scoperto che, esponendo la copertina alla luce del sole, mostrava una galassia stellata, piena di brillanti punti di luce dorati: non a caso il titolo dell’album fa riferimento al mondo delle stelle. La caccia al tesoro sta proseguendo e le presunte scoperte si rincorrono, alcuni se le stanno solo sognando, altri sembrano essere vicini al jackpot. Una delle ultime rivelazioni è stato segnalata via Twitter, da un utente che ha scoperto che la copertina, sotto la luce di una lampada UV, fa colorare la stella centrale di una luce fluorescente.
Nonostante sia passato quasi un anno dalla scomparsa del Duca Bianco, quindi, le sorprese non sembrano finite, e lui continua a sorprendere come sempre. Moltissimi, inizialmente, i fan che credevano che la copertina fosse un pezzo malriuscito e piuttosto deludente, evidentemente, si sbagliavano!

Altre scoperte dell’ultimo minuto? Se illuminiamo la copertina da una certa prospettiva, e lo proiettiamo su una qualsiasi superficie uniforme, il vinile può riflettere due immagini diverse, da una parte un uccello in volo (che alcuni hanno identificato come una stella), dall’altra una navicella spaziale.

Il produttore di David, Tony Visconti, ha detto di essere a conoscenza di altre “uova di Pasqua” nascoste nell’opera di Bowie, Blackstar; mentre, Barnbrook, ha detto che ci sono un altro paio di cosette da scoprire, ma, come diceva l’artista, non è importante che proprio tutto venga svelato. Ci sono anche dei segreti non così superficiali come si potrebbe pensare, e se la gente li scoprisse sarebbe un gran traguardo, anche se servisse del tempo. E con questo, speriamo di avervi dato un piccolo indizio.

blackstar

Ormai tutto il mondo del web è impazzito e ogni scoperta sembra far parlare, e voi, avete qualche incredibile scoperta da raccontarci? Avete scoperto che Blackstar è anche sulla vostra fetta di pane tostato? Oppure girate per casa cercando di proiettare la copertina d’appertutto?

Commenta Via Facebook

Post Precedente

Sette nuovi video dei METALLICA!

Post Successivo

SEX PISTOLS: il Punk in diretta