Home»Articoli»ICONS: lo sguardo di Sukita

ICONS: lo sguardo di Sukita

29
Condivisioni
Pinterest Google+

Tre artisti in mostra a Bologna

Masayoshi Sukita è un fotografo giapponese che ha ritratto artisti del calibro di Ray Charles, The Police e Francis Ford Coppola. I suoi scatti rappresentano dei frammenti di storia contemporanea: dall’1 settembre al 1 ottobre 2016 sarà ospite (ancora una volta) alla Galleria Ono Arte di Bologna con ICONS.

I protagonisti? Tre celebri artisti: David Bowie, Iggy Pop e Marc Bolan.

Merito di Sukita è quello di aver destrutturato alcuni stereotipi della fotografia rock, come puntualizzano anche i 45 scatti scelti per l’esposizione: da oltre quarant’anni alla ricerca di una postura o un gesto che possano essere fissati nella fotografia e consegnati alla storia.

Eccovi un estratto dell’intervista:

Quali sono gli stereotipi della “fotografia rock” che hai voluto superare, con il tuo lavoro?

“Per quanto riguarda David, ho cercato di catturare tutti i suoi cambiamenti. Lo conosco dal periodo di Ziggy Stardust e l’ho seguito in diverse fasi del suo percorso artistico. Più in generale, ho sempre cercato di mantenere un atteggiamento neutro nei confronti dei musicisti che ritraevo. Molti fotografi tendono a influenzare le pose, le situazioni che si vengono a creare sul set. È il margine di libertà che lasci a chi si trova oltre.”

Uno scatto di Sukita a Bolan, che i suoi fan sicuramente conosceranno, è quello con un cagnolino in fuga in basso a destra, che colpisce proprio per la sua spontaneità; il fotografo racconta di come stesse per scattare la foto quando questo piccolo cane attraversò l’obbiettivo inaspettatamente. Un risultato divertente e spontaneo, che, come previsto, è stato adorato anche dai fan.

Famosissimi anche gli scatti di David e Kyoto, che segnano una scissione rispetto ai suoi ritratti precedenti, in cui era completamente astratto dal contesto a causa degli sfondi bianchi e neutri. Una serie di fotografie inedite che sono una vera e propria cronaca di quei giorni, e descrivono l’artista Bowie in un modo che sarebbe stato impossibile di fronte ad un telo bianco.

Potrete trovare l’intervista integrale a Sukita, e tante altre curiosità su queste tre stelle del rock sul Classic Rock #47 in uscita nelle edicole il 27 settembre!

Commenta Via Facebook

Post Precedente

BRUCE SPRINGSTEEN CIRCO MASSIMO, ROMA RECENSIONE

Post Successivo

Berlino - Dov'è finita la targa commemorativa di David Bowie?